Notizie sulla salute

Sindromi Del Polmone E Grosso Intestino

By

1. Sintomi dovuti all’insufficienza del Qi dominante

Tre gruppi di sintomi indicano che i polmoni sono insufficienti nel dominare il Qi:

1) insufficienza respiratoria, voce flebile e debolezza nel tossire dovuta ad un diminuito rifornimento di Qi da parte dei polmoni;

2) generale debolezza e stanchezza dovuta a deficit di Qi in ogni parte del corpo; possono sopravvenire quando la funzione della milza nel rinforzare il qi è indebolita 3) sudorazione spontanea e suscettibilità alle affezioni esterne dovuta ad indebolite capacità difensive generali; si verifica quando l’attività funzionale del cuore è indebolita.

Il primo gruppo di sintomi si collega specificatamente alle diagnosi delle sindromi dei polmoni, mentre gli ultimi due gruppi hanno minor significato nella diagnosi differenziale dal momento che essi possono anche essere presenti quando sono insufficienti le attività funzionali di altri visceri.

2. Sintomi dovuti a disturbi nel regolare il passaggio dell’acqua

I fattori patogeni esogeni che invadono i polmoni possono causare edema. Per esempio, l’edema appare nelle nefriti acute dopo un’infezione delle vie aeree superiori. La Medicina Tradizionale Cinese ritiene che una causa della patogenesi dell’edema è l’indebolimento della funzione dei polmoni nel regolare il passaggio dell’acqua, il quale impedisce ai fluidi di defluire verso i reni fino alla vescica urinaria. Questo causa un accumulo di liquidi nella parte superiore del corpo. Ne deriva oliguria, e l’edema è più marcato in volto e sulle palpebre. Il trattamento dei polmoni con diaforetici può aumentare la diuresi e diminuire l’edema, un effetto terapeutico che supporta tale ipotesi.

Un’ulteriore discussione di alcuni tra i sintomi più comuni è riportata qui di seguito.

Tosse. La tosse è di due tipi: quella causata da affezioni esogene, e quella dovuta ad un danno interno.

Nelle affezioni esogene, la tosse ha un’insorgenza acuta. In molti casi, essa insorge come un sintomo da freddo (affezione da vento-freddo), ma diversi fattori atmosferici possono provocare tosse. I fattori più comuni sono il vento, il freddo, il caldo e la siccità.

La tosse dovuta a vento-freddo è spesso accompagnata da naso chiuso con escrezione acquosa, starnuti, angina, espettorazione sottile, giallognola, cefalea e sensazione di freddo o febbre.

Il vento-calore è caratterizzato da tosse accompagnata da escrezione nasale densa e giallognola, mal di gola, espettorazione spessa e giallognola, mal di testa e febbre.

Il calore nei polmoni è caratterizzato da tosse accompagnata da espettorato denso o giallo o purulento così come altri sintomi di calore, quali febbre, patina linguale spessa e gialla e polso rapido.

La tosse dovuta a secchezza normalmente sopravviene nella stagione secca ed è accompagnata da vari sintomi di secchezza, quali secchezza del naso, della bocca e delle labbra.

Nella maggior parte dei casi, la tosse dovuta a danno interno ha un inizio graduale e procede con un andamento cronico. Essa sopravviene a causa delle seguenti condizioni: deficit di yin o qi dei polmoni, accumulo di flegma-umidità o flegma-calore nei polmoni e attacco dei polmoni da parte del fuoco del fegato. Comunque, la tosse può essere del tipo da deficit o da eccesso. Sebbene la tosse indichi sempre un danno ai polmoni, i cambiamenti patologici possono non essere necessariamente a carico dei polmoni stessi, come nel caso della flegma che, accumulata nei polmoni, può essere prodotta da un’ipofunzionalità della milza con venir meno del trasporto di tutti i fluidi così che il surplus di fluidi diventa flegma o dal fuoco che originatosi dal fegato depresso, attacca i polmoni.

Il deficit di yin si manifesta in tosse secca senza espettorato o con espettorato scarso che è difficile da espettorare. Possono, inoltre, sopravvenire altri sintomi di secchezza dovuti a deficit di yin, così come secchezza della bocca e delle labbra, lingua arrossata con induito piccolo e sottile, polso rapido.

Nel deficit di qi, la tosse è debole e accompagnata da asma, espettorato scarso, stanchezza, sudorazione spontanea, e suscettibilità al freddo. L’espettorato abbondante caratterizza l’accumulo nei polmoni sia della flegma-umidità che della flegma-calore, ma l’espettorato è sottile e biancastro inizialmente, e in seguito è viscoso e giallognolo.

Dispnea. La dispnea è sia da eccesso che da deficit. Il vento, il freddo, il calore l’umidità, la flegma causano dispnea da eccesso. La differenziazione dei fattori patogenetici è basata sulle condizioni generali, che accompagnano i sintomi e sulla quantità e sull’aspetto dell’espettorato. La dispnea da deficit sopravviene sia nel deficit di qi dei polmoni che in una incapacità dei reni a ricevere l’aria. La dispnea dovuta a deficit di qi dei polmoni è accompagnata da mancanza di energia e di forza fisica. La dispnea dovuta ad incapacità dei reni nel ricevere aria è caratterizzata da prolungata esalazione che è aggravata sotto sforzo ed è accompagnata da sintomi che mostrano l’ipofunzione dei reni (e.g. , lombalgia, enuresi notturna,edema alle gambe).

Leggi l’articolo su integratore curcuma.

You may also like