Notizie sulla tecnologia

Amante dell’acqua? Non rinunciare ad una fotocamera subacquea

By

Alzi la mano chi ha dovuto buttare via la propria fotocamera nel bel mezzo delle vacanze a Rimini? Capita spesso di sottovalutare l’impatto di acqua, sale e sole sulle nostre fotocamere: siamo convinti che con un po’ d’attenzione potremmo usarle anche nelle località marine, scattare qualche foto in riva al mare. Purtroppo non tutti i prodotti sono in grado di resistere a quelle condizioni, per cui se state organizzando un nuovo viaggio al mare vi consiglio di procurarvi una fotocamera subacquea. Quanto spendere? Quale modello scegliere? Tutto questo dipende dalle vostre aspettative, ma se non siete alla ricerca di un prodotto professionale potrete cavarvela con circa cento euro. Se invece volete garantire performance di più alta qualità, avere un prodotto più resistente e con qualche opzione in più vi basterà spulciare bene il mercato. Che vogliate scattare le vostre foto in piscina o al mare, che vogliate degli scatti professionali o dei semplici ricordi delle vostre vacanze, troverete la macchina fotografica subacquea che fa per voi.

Design, dimensioni e resistenza

Quando parliamo di una macchina subacquea dobbiamo fare attenzione ad alcune caratteristiche che tenderemmo a sottovalutare nel caso di macchine fotografiche tradizionali. Il design, ad esempio, non è più esclusivamente un fattore puramente estetico, ma la presenza di guarnizioni e altri accorgimenti tecnici influenzano la resa e la resistenza stessa del prodotto. Il mercato offre due tipologie di macchine: le fotocamere compatte subacquee e le action camera subacquee. Le prime sono molto simili, nella forma e nel design, a delle macchine fotografiche comuni ma spesso hanno una struttura esterna che impedisce l’ingresso di liquidi.

Nel caso delle action invece sono principalmente degli strumenti di registrazione video, sia che si tratti di gesta sportive sia di momenti d’azione. Le dimensioni sono molto spesso notevolmente ridotte garantendo a queste macchine un’elevata trasportabilità, ma allo stesso tempo sono esposte ad acqua e agenti esterni per cui vanno abbinate a custodie che non sempre sono già in dotazione. La resistenza all’acqua, che è sicuramente la caratteristica più importante per una fotocamera subacquea, viene espressa attraverso la profondità massima possibile: sappiamo che una maggiore profondità significa maggiore pressione e non tutte le macchine sono in grado di resistere.

Spesso, infatti, le fotocamere più economiche garantiscono l’impermeabilità sino ad una decina di metri mentre quelle professionali sono in grado di raggiungere e superare i cento metri. Eppure non è l’acqua l’unica minaccia per le nostre fotocamere: per questo alcune presentano delle resistenze termiche o a resistenze agli urti. Le dimensioni e il peso sono generalmente molto ridotte perché queste fotocamere nascono per essere molto maneggevoli e facilmente trasportabili.

Scheda tecnica e possibili soluzioni

Se da un punto di vista strutturale e di design non sono presenti molte alternative, l’offerta si differenzia per quello che è il vero cuore di una fotocamera ovvero le sue funzionalità. Scegliere una buona fotocamera subacquea non è molto diverso dal valutare una macchina fotografica tradizionale e dovremmo far attenzione a parametri come la risoluzione, la memoria e la messa a fuoco. Ad esempio, un action cam non permette in alcun caso una messa a fuoco manuale (Wayteq.si) ma è pensata come una camera fissa che riprende le nostre gesta. Se abbiamo bisogno di maggior gioco e vogliamo un prodotto più elastico è meglio puntare su una fotocamera compatta.

Alcune macchine fotografiche subacquee presentano in dotazione uno zoom sia questo analogico o digitale: anche in questo caso gli obiettivi delle action cam non sono di grande qualità, mentre grande varietà è presente nei modelli compatti. Anche i parametri ISO delle macchine non sono di primissima fascia e in generale bisogna comprendere che gli standard di qualità delle macchine fotografiche subacque non possono in alcun caso avvicinarsi a quelle di macchine tradizionali. Basta però ricordarsi che le macchine fotografiche tradizionali non possono scattare alcuna foto in piscina per cui non c’è una vera competizione in atto.

Anzi, bisogna anche valutare le funzionalità di una macchina fotografica subacquea che sono davvero tante: oltre alle classiche funzioni per scattare foto con caratteristiche preconfezionate, come quelle al buio, i ritratti, i panorami, è possibile sfruttare funzioni come il GPS integrato, il barometro, l’altimetro e la bussola. Tutte queste caratteristiche sono importanti e rendono più coinvolgente l’esperienza subacquea. Infine restano da valutare due aspetti prima di scegliere la nostra fotocamera subacquea: connettività e batteria. Quasi tutti i modelli presentano la modalità bluetooth mentre alcune hanno integrato anche un sistema wi-fi che vi permetterà di scaricare velocemente foto e video. La caratteristica più importante della batteria è, invece, la durata: se questa non dovesse soddisfarvi ricordatevi che è sempre possibile portarsene dietro una di riserva, ma sarà semplice sostituirla se siete immersi?

You may also like